Da Roboze la tecnologia Automate di stampa 3D su scala industriale

La soluzione di produzione additiva affronta la storica sfida del settore per la standardizzazione e il controllo dei processi per la produzione di parti ripetibili.

Lo scorso 12 aprile 2021 a Houston, il produttore di tecnologia di stampa 3D industriale per applicazioni estreme Roboze ha presentato il lancio di Automate, il primo sistema di automazione industriale al mondo che porta la stampa 3D personalizzata con super polimeri e compositi nel flusso di lavoro di produzione.

Gli Stati Uniti, con il mondo intero, stanno avviando una spinta infrastrutturale che comprende diversi settori, dall’energia ai trasporti alla produzione, e contemporaneamente stanno registrando una carenza di approvvigionamento di parti in metallo che sta impattando ognuna di queste realtà. Combinando la produzione additiva di polimeri in sostituzione dei metalli, come il PEEK, insieme con una tecnologia di stampa 3D che integra sistemi di automazione industriali, in collaborazione con B&R, unità di business di ABB Robotics & Discrete Automation, Roboze ha dato vita a una novità unica per l’industria della stampa 3D.

Roboze Automate semplifica l’intero flusso di lavoro, monitorando i risultati e segnalando i dati durante tutte le fasi del processo, il tutto grazie ai suoi sensori avanzati e alle sue capacità di controllo e diagnosi da remoto. Con Roboze Automate, la manutenzione predittiva è incorporata attraverso l’aggiornamento automatico a distanza di nuove funzioni e parametri software.

A causa di variabili che vanno dall’errore umano e qualità dei materiali fino alle fluttuazioni di temperatura, l’industria della stampa 3D è stata interessata da contraddizioni nella produzione di parti. Purtroppo, questi ostacoli hanno compromesso la percezione della stampa 3D come un processo di produzione industriale alla pari con altri processi di produzione come la lavorazione CNC e lo stampaggio a iniezione. Il sistema sarà disponibile per tutti i nuovi sistemi di produzione additiva ARGO 500 così da consentire ai clienti di produrre e certificare ogni componente stampato, creando in modo efficiente lotti controllati personalizzati fino a 3000 parti in un’unica macchina.

«Poiché la necessità di infrastrutture forti e resilienti negli Stati Uniti e in tutto il mondo continua a salire, stiamo portando la produzione 3D a un nuovo livello di coerenza, ripetibilità, controllo dei processi e velocità di produzione», ha dichiarato Alessio Lorusso, CEO di Roboze. «Il nostro approccio components-as-a service sta sconvolgendo le fluttuazioni di produzione soggette a errori e carenze di materiali per sostenere una vera produzione 3D su scala industriale».