Anipla, Andrea Boraschi nuovo presidente

Il responsabile di progetto per le discipline Strumentazione, Automazione e Telecomunicazioni di XSight (la start-up del gruppo Saipem) nominato a capo dell’Associazione Nazionale Italiana Per l’Automazione.

Si apre una nuova stagione per Anipla, la storica Associazione Nazionale Italiana Per l’Automazione fondata agli albori della terza rivoluzione industriale nel 1956, su iniziativa di un gruppo di utilizzatori (tra cui Enel) che avevano l’esigenza di condividere le conoscenze su un tema d’avanguardia tecnologica quale era l’automazione in quegli anni.

Dopo un’importante revisione dello statuto avvenuta l’anno scorso, che ha semplificato l’operatività delle strutture associative, l’assemblea degli associati ha eletto il nuovo consiglio direttivo e il nuovo presidente, che saranno in carica per il prossimo biennio.

Il nuovo presidente è l’ingegner Andrea Boraschi, responsabile di progetto per le discipline Strumentazione, Automazione e Telecomunicazioni di XSight, la start-up del gruppo Saipem. Ingegnere informatico, Boraschi ha quasi 20 anni di esperienza nella discipline di strumentazione e controllo, prima come fornitore di sistemi di controllo e sicurezza, poi come responsabile e consulente di disciplina in diverse società di ingegneria, dalla fase di studio di base di impianto alla messa in servizio, in diversi comparti industriali. Completano il suo profilo l’esperienza nel campo della sicurezza e cybersicurezza funzionale e i diversi accrediti internazionali conseguiti negli anni. Nel suo lavoro come presidente Boraschi sarà coadiuvato da due vicepresidenti e da un consiglio direttivo che, insieme ad alcuni nomi provenienti dai consigli precedenti, registra l’ingresso di diverse nuove leve, che accresceranno il patrimonio di competenze su cui potrà far leva l’associazione per promuovere la cultura dell’automazione in Italia attraverso le proprie attività.

Parlando degli obiettivi per il biennio di presidenza, Boraschi ha spiegato che questi saranno sempre più «mirati a fornire alle aziende associate, agli enti locali, agli enti regolatori e di controllo, un supporto conoscitivo, dialettico e aggiornato su tutti i temi che coinvolgono il nostro comparto. Dobbiamo affrontare ed insistere su tutta una serie di temi in ambito cybersecurity, digital transformation, IoT e manutenzione predittiva, per citarne alcuni tra i più attuali in ambito factory automation, ma sempre più richieste dai nostri clienti già in fase di fattibilità e stima di investimento anche nei comparti oil & gas, power, petrolchimico e soprattutto nelle rinnovabili».

Boraschi raccoglie le redini da due predecessori: il presidente uscente Alberto Servida e Maria Regina Meloni (anche lei in XSight-Saipem), presidente uscente della sezione milanese che, a seguito delle modifiche statutarie, ha cessato le attività confluendo all’interno della struttura nazionale.

Il nuovo consiglio direttivo è composto da Marco Banti (ABB), Andrea Bartolini (Dynamica), il presidente Andrea Boraschi (XSight by Saipem), Andrea Brambati (Brambati), Lorenzo Buldrini (Andritz Novimpianti), Franco Canna (Innovation Post), Claudio Cristofori (Maire Tecnimont), Jacopo Di Blasio (Quine), Walter Ferrarese (Orchestra), Luca Ferrarini (Politecnico di Milano), Massimiliano Latini (Byhon), Michele Maini (libero professionista), Maurizio Mangiarotti (GlaxoSmithKline Manufacturing), i due vicepresidenti Carlo Marchisio (libero professionista e Industrial Automation Consultant) e Daniele Mazzei (Zerynth), Valerio Pesce (Iplom), Daniele Valle (TRM SpA di Torino, del Gruppo Iren), Massimiliano Veronesi (Yokogawa Italia).

Il collegio dei revisori è composto dagli ingegneri Luigi Polli (Uniesse Novachem), Luca Spingardi (e-matica) e Alberto Servida (Università di Genova).

È sempre possibile associarsi ad Anipla come soci ordinari o juniores oppure collettivi/sostenitori (aziende). Per ulteriori info: tel 02.39289341, anipla@anipla.it e compilare il form sul sito ufficiale.