Impianto sicuro, produzione efficiente

L’offerta di Giovenzana per il mondo dell’automazione industriale include soluzioni performanti, personalizzabili ma soprattutto sicure e affidabili.

Giovenzana International B.V. è ai vertici nella progettazione e produzione di soluzioni di sicurezza. Un marchio consolidato a livello globale, riconosciuto per la propria competenza e affidabilità. La priorità dell’azienda è naturalmente la sicurezza per gli operatori durante le fasi di lavoro e manutenzione di macchinari e impianti. Attenta alle esigenze di ogni singolo cliente e dei diversi mercati, offre una gamma di prodotti standard che si implementa quotidianamente con le richieste di customizzazioni per applicazioni specifiche. L’offerta di prodotti certificati di qualità è apprezzata ovunque nel mondo: per questo Giovenzana esporta le proprie soluzioni Made in Italy mantenendo la massima attenzione al rispetto delle norme internazionali. L’esperienza, la cultura dell’innovazione e la visione fortemente proiettata verso il futuro hanno reso l’azienda un punto di riferimento garante di sicurezza e qualità per operatori, aziende e utenti finali.

I settori di business di riferimento sono quattro: l’automazione industriale, il settore ascensoristico e delle scale mobili, la carropontistica e il mercato del sollevamento, i componenti ATEX e IECEx per l’uso in aree pericolose e potenzialmente esplosive.

La sicurezza attraverso i commutatori

Giovenzana progetta, produce e commercializza prodotti innovativi e soluzioni efficienti di alta qualità per l’odierno mercato dell’automazione industriale. La sicurezza di un impianto e dei suoi componenti non è soltanto questione da grande industria. Anche in officine e laboratori medio-piccoli si possono ricreare condizioni d’esercizio gravose, che mettono alla prova la sicurezza delle macchine e del personale. Occorre pertanto approcciare all’impianto nel suo insieme.

Il punto di partenza sono i commutatori, tipicamente utilizzati da quadristi e installatori per tutte le funzioni di comando e controllo per applicazioni elettriche ed elettroniche, che trovano impiego in diversi ambiti: nell’automazione industriale con l’impiego in macchine alimentari (macchine da caffè professionali, per la produzione di pasta, macchine per l’imbottigliamento), nei quadri di distribuzione e nei comandi per saldatrici professionali. I commutatori a camme della serie Phoenix, dispositivi di comando manuale per contatti principali e ausiliari, sono idonei per portate da 12 a 200 A. Suddivisi in 5 serie di prodotti, standard e personalizzati, permettono di eseguire l’operazione di chiusura e apertura in modo sequenziale attraverso la rotazione del commutatore in posizioni diverse. Sono realizzati in conformità delle attuali direttive europee e internazionali (IEC/EN 60947-3, UL508), per soddisfare le più stringenti esigenze di sicurezza.

Per scegliere il commutatore più adatto, la scelta ricade sicuramente sul tipo di fissaggio, che può essere base, retroquadro o DIN. Nel catalogo ciascuno è identificato dalle lettere B, R, D, e da uno specifico colore. Così, il banconista e l’installatore stesso possono identificare a colpo d’occhio quello più adatto alle esigenze specifiche.

Nella maggior parte dei casi, anche le finiture dei commutatori aiutano a identificare il tipo di applicazione cui sono destinati. La targhetta grigia con manopola nera è la finitura standard, mentre la targhetta gialla con manopola rossa normalmente identifica un interruttore di sicurezza o di emergenza. Ma è possibile richiederla anche per altri tipi di applicazione. Entrambe le tipologie di finitura, su alcuni codici, prevedono anche la possibilità di lucchettare il commutatore in posizione off/zero, oppure da off fino a 3 posizioni, per evitare che siano soggetti a manovre accidentali.

Oltre ai commutatori standard, se ne offrono di personalizzati in base a diversi elementi: alberi dalla lunghezza e sagomatura realizzati su specifica, attacchi a connessione rapida, terminali singoli o doppi, blocchi assiali “premi e ruota” in varie posizioni, comandi unidirezionali, accoppiamenti coassiali tra unità di potenza e ausiliaria. Fanno parte della famiglia dei commutatori a camme anche quelli per connessioni su circuito stampato (brevettati).

Sicuri, ma anche robusti e resistenti

Se sono installati in ambienti esposti agli agenti atmosferici, o nei quali la concentrazione di polveri è elevata, è possibile optare per una guaina di protezione morbida o rigida: la scelta dell’una o dell’altra tipologia avviene in base allo spazio disponibile sul pannello o dietro al quadro di comando, e a seconda delle dimensioni dell’apparecchio. In questo modo, si preservano i morsetti e i contatti del commutatore. In particolare, le guarnizioni IP65 sono utilizzate per raggiungere il grado di protezione IP65 frontale, nel caso di montaggio retroquadro dei frutti commutatori se vengono comandati con la sola manopola.

Le protezioni bypass dal diametro 50 trovano impiego nelle esecuzioni speciali in ambito ascensoristico, dove la norma prevede che il dispositivo di bypass delle porte di piano e della cabina sia interruttore protetto contro uso involontario mediante mezzi meccanicamente mobili installati in modo permanente.

I commutatori Phoenix riescono a garantire un’elevata resistenza anche in condizioni d’esercizio critiche grazie al ruolo fondamentale svolto dai contatti autopulenti presenti al loro interno, che proteggono i meccanismi interni dalla penetrazione di polveri e liquidi: ciò assicura un ottimo livello di protezione di base in qualsiasi contesto applicativo e, negli ambienti più gravosi, li preserva da polveri e liquidi. In tal senso, occorre che anche l’impiantista e il cliente finale facciano la propria parte. Per evitare un utilizzo improprio di questi dispositivi, che garantiscono la sicurezza e la vita utile dell’impianto, non si può improvvisare o procedere per tentativi: il cliente deve lasciarsi guidare dal grossista ed eventualmente dal costruttore del componente, attraverso il supporto fornito da Giovenzana e dagli strumenti informativi, sia on line che off line, per individuare la soluzione più adatta.

I commutatori a camme serie Phoenix si distinguono per una serie di caratteristiche tecniche e meccaniche che garantiscono sicurezza e affidabilità continue nel tempo. La loro caratteristica chiave sono i contatti autopulenti a doppia interruzione (in caso di saldatura del contatto ne favoriscono l’apertura), argentati oppure dorati per correnti minime (ad esempio per correnti da circuito stampato). L’albero e i tiranti sono in metallo, mentre il corpo è in materiale autoestinguente certificato nella classe di infiammabilità UL94 V0. I commutatori fino a 40 A sono disponibili con morsetti finger-proof, che evitano contatti accidentali dell’operatore con le parti in tensione. La marcatura laser del frutto è indelebile.

Il fissaggio retroquadro prevede il montaggio del commutatore direttamente al pannello tramite viti. È disponibile anche il fissaggio diametro 22 mm solo per le taglie da 12, 16 e 20 A. Il grossista può identificarli facilmente dal loro codice, che termina sempre con la lettera R.

Il fissaggio BASE prevede il montaggio del commutatore sul fondo del quadro di comando tramite viti e un’asta di prolunga per raggiungere il pannello o la porta apribile. Inoltre, è disponibile il fissaggio su guida DIN per le taglie 12, 16 e 20 A. I loro codici terminano tutti con la lettera B.

Il fissaggio DIN, che avviene su quadri normalizzati per feritoie standard, riguarda commutatori esclusivamente di taglia 12, 16 e 20 A. Si possono fissare tramite fori e viti, la loro lunghezza è fissa e il numero di celle è sempre pari a 3. Si riconoscono dalla D finale del loro codice.

Personalizzazione totale

Le finiture con targhetta grigia (per la manopola nera) oppure gialla (per la manopola rossa) sono disponibili in diverse dimensioni per commutatori retroquadro e base, con fissaggio a vite e diametro 22. Per l’utilizzo nelle diverse serie, è necessario verificare le pagine sul catalogo in base al tipo di fissaggio. Le finiture lucchettabili (fissaggio a vite oppure diametro 22) possono essere fornite con blocco con solo un lucchetto (48 x 48 mm) oppure lucchettabili con blocco a tre lucchetti (67 x 67 mm a vite oppure diametro 22). Sono disponibili anche i comandi a chiave diametro 22 solo per taglie 12, 16 e 20 A con la possibilità di personalizzazioni riguardante le iscrizioni sulla targhetta e l’estrazione della chiave. È inoltre disponibile anche il comando a manopola diametro 22 senza targhetta. È possibile richiedere la personalizzazione delle iscrizioni sulla targhetta.

Fanno parte della gamma riferita all’automazione industriale anche gli interruttori/sezionatori della serie Regolus da 32 a 160 A; gli ausiliari di comando delle serie Pegasus, Orion e NEMA; i finecorsa in materiale termoplastico, con rilascio manuale, di sicurezza con attuatore separato, precablati e con connettore M12; i microinterruttori; le pedaliere, i potenziometri e le prese USB e RJ45.