Mitsubishi Electric, 100.000 euro a disposizione di ospedali a Bergamo e Monza

Mitsubishi Electric, 100.000 euro per gli ospedali Papa Giovanni XXIII di Bergamo e San Gerardo di Monza

Un gesto di responsabilità che la multinazionale giapponese ha ritenuto doveroso mettere in atto nei confronti delle comunità in cui opera e, in particolare, a supporto di quella parte di popolazione italiana che oggi si trova a essere maggiormente colpita.

Mitsubishi Electric, ai vertici mondiali nella produzione, marketing e commercializzazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche, ha messo a disposizione della lotta al coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della malattia CoViD-19 la cifra di 100.000 euro, che ha suddiviso in egual misura tra l’ospedale San Gerardo di Monza e l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (tramite l’associazione CESVI), con l’obiettivo di contribuire a rafforzare le strutture di terapia intensiva e di supportare il personale sanitario impegnato da settimane a garantire la sicurezza e la salute dei cittadini italiani.

Chi desidera sostenere le due strutture ospedaliere può visitare le rispettive pagine ufficiali per il San Gerardo di Monza e l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove è possibile trovare le indicazioni per effettuare le donazioni.