L’Uomo più Forte del Mondo diventa testimonial di Control Techniques

L'Uomo più Forte del Mondo testimonial Control Techniques

Eddie Hall, ufficialmente l’Uomo più Forte del pianeta (attuale detentore per il record mondiale di stacco da terra nella competizione di atletica pesante World’s Strongest Man e primo uomo al mondo ad aver staccato da terra 500 kg nel luglio 2016), presta la sua forza eccezionale alla Control Techniques in qualità di ambasciatore ufficiale del marchio.

Il 30enne inglese apparirà ora come volto della società gallese, aiutando a diffondere la conoscenza dei prodotti e delle competenze dell’azienda. Control Techniques, con sede a Newtown, è presente in 44 Paesi ed è entusiasta di avere siglato l’accordo. Il presidente Anthony Pickering ha infatti dichiarato: «Di recente la nostra azienda è stata interessata da alcune importanti trasformazioni – nuovi proprietari, nuovi prodotti all’orizzonte – e volevamo un simbolo, che avremmo potuto usare per dare prova della nostra ritrovata fiducia. Control Techniques è e sarà sempre una società specialistica. Realizziamo azionamenti e tecnologie ad essi correlate e in questo campo vantiamo un retaggio di 45 anni di esperienza. L’idea di collaborare con un altro specialista britannico che ha gareggiato – e vinto – su scala globale ci ha affascinato molto. Dal 1973 abbiamo alle spalle una storia di decisioni prese coraggiosamente e lavorare con Eddie è l’ultimo di una lunga serie di primati di Control Techniques. Non vediamo l’ora di assistere alle reazioni del mercato quando vedranno che cosa abbiamo in serbo con Eddie Hall».

Come parte dell’accordo, Eddie contribuirà a promuovere Control Techniques a livello globale in annunci pubblicitari, apparizioni pubbliche e altri progetti. Da parte sue, Eddie ha aggiunto: «Control Techniques è, come me, uno specialista nel proprio campo. Capisce l’importanza di identificare i vostri punti di forza e di lavorare sodo per raggiungere i vostri obiettivi. Sono entusiasta di essere il volto di una storia di successo britannica e non vedo l’ora di aiutare la squadra a darne il giusto risalto».