Sicurezza robotica, nuovi passi avanti in mostra

Da un punto di vista tecnico, i componenti hanno raggiunto livelli di prestazione molto elevati, ma per traghettare le aziende manifatturiere italiane verso l’automazione completamente robotizzata per l’Industria 4.0 occorre di più: la sensibilità avanzata degli smart sensor. Sick partecipa alla fiera A&T 2017 all’Oval Lingotto di Torino con alcune demo sul loro ruolo e dei sistemi di visione nella robotica di ultima generazione.

Robot sempre più protagonisti, progettati per essere leggeri, compatti e agili, in grado di lavorare negli stessi ambienti degli operatori senza l’impiego di barriere fisiche: come il nuovo laser scanner di sicurezza microScan3, che utilizza la tecnologia basata sul tempo di propagazione della luce per monitorare aree fino a 275° con un campo di protezione fino a 5,5 m.

L’intelligenza dei sensori di ultima generazione è ampliata anche dalla possibilità di personalizzarli in base alle diverse esigenze. Motivo per cui l’azienda ha sviluppato AppSpace, un ecosistema composto da AppStudio, un ambiente di sviluppo per la creazione di applicazioni, e da un’ampia gamma di sensori programmabili per l’elaborazione immagini, l’identificazione e la misura.

Arricchito con il modulo di runtime della libreria per l’elaborazione di immagini Halcon, da svariati algoritmi sviluppati da Sick e da una vasta scelta di funzioni di base, AppStudio permette l’esecuzione delle applicazioni direttamente sugli hardware predisposti.