Industrial IoT, per SAP è una rivoluzione senza precedenti

Oggi si parla moltissimo di Industrial IoT, anche per la sua centralità all’interno dell’Industria 4.0. Per capire cosa caratterizzi questa tecnologia e in che modo possa entrare nelle fabbriche italiano abbiamo intervistato Carla Masperi, Chief Operating Officer, SAP Italia.

 

All’interno del mondo dell’IoT, quali tendenze tecnologiche vedete in atto? Quali sono invece i principali ostacoli all’implementazione dell’Industrial IoT nella manifattura italiana?

L’IoT e le tecnologie machine-to-machine stanno rivoluzionando in maniera trasversale tutte le industrie. Nel settore manifatturiero, queste tecnologie offrono un potenziale senza precedenti in ottica di nuovi servizi per sistemi di sicurezza, funzionamento e manutenzione dei macchinari, digitalizzazione dei processi solo per fare alcuni esempi.

A livello italiano questo potenziale è ancora poco sfruttato e nella maggioranza dei casi inespresso. Secondo gli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, nel 2016 l’Italia si trova ancora in una posizione arretrata rispetto alla media europea nell’attuazione dell’Agenda Digitale. Come dimostrato da esperienze positive in altri paesi, la collaborazione tra settore pubblico e privato è fondamentale: SAP intende supportare la crescita dell’Industria 4.0 e dell’IIot in Italia, lavorando a stretto contatto con associazioni, enti pubblici e il mondo produttivo per favorire lo sviluppo digitale del settore manifatturiero e del paese.

Carla Masperi, Chief Operating Officer, SAP Italia,
Carla Masperi, Chief Operating Officer, SAP Italia

La competitività di un’impresa, specialmente in un periodo di trasformazione come l’attuale, dipende da una serie di fattori tra i quali spicca indubbiamente quello dell’innovazione. Quale contributo può dare la vostra soluzione per l’IIot nella crescita di un’azienda manifatturiera?

In generale, le soluzioni di SAP permettono alle aziende di migliorare le proprie performance, aumentare l’efficienza dei processi e semplificare l’infrastruttura IT, liberando nuove risorse da destinare alla crescita del business.

La soluzione SAP Connected Manufacturing ad esempio, consente l’automatizzazione dei processi produttivi permettendo di variare liberamente e automaticamente la sequenza della produzione e migliorando l’efficienza. Con SAP Manufacturing Execution è possibile garantire il completo controllo delle operazioni sfruttando le funzionalità di monitoraggio continuo e di accesso alle informazioni in tempo reale, integrando i processi produttivi e di business e consentendo infine all’azienda di aumentare la qualità e la tracciabilità globale dei propri prodotti. Infine SAP Asset Intelligence Network, al centro del recente annuncio di collaborazione tra SAP e GE Digital per l’IIOT, è una nuova business network che combina informazioni e dati provenienti dai produttori, dai fornitori di servizi e dagli operatori su una singola piattaforma in cloud. La soluzione consente quindi una rappresentazione digitale di tutti gli elementi, strutture, macchinari usati nel field, permettendo di ottenere nuovi dati sul cliente, nuovi analytics sulle performance e nuovi servizi digitali.

ANDREA PAGANI
Avatar

A proposito di ANDREA PAGANI

è redattore delle riviste Tecnologie Meccaniche, The Next Factory, TecnoLamiera e Italian Technology Machine Tools edite da DB Information spa.